Un'insolita cagnetta...

La mia infanzia si è indubitabilmente consumata all'interno di due scenari fondamentali alquanti differenti: le coste basse e rocciose del litorale della Sicilia sud-orientale (dove trascorrevamo il lungo e spensierato periodo di vacanza estiva) con le sue pozze di marea sempre generosamente provvide di scoperte imprevedibili e le sinuose colline dell'entroterra ibleo, decorate da numerosi torrenti e fiumiciattoli, teatro delle mie prime escursioni naturalistiche con e senza fotocamera al collo. E la  Cagnetta (Salaria fluviatilis) rappresentava di certo uno dei più affascinanti ed evocativi trait d'union dei due scenari. Così simile alle bavose pavone che ondeggiavano flessuose nelle scintillanti pozze di marea, così a suo agio nei freddi torrenti iblei tra le fronde misteriose della Chara.
Adesso che l'infanzia è ormai lontana, l'amore per la simpatica Cagnetta è rimasto inalterato ed è in nome di questa antica amicizia che ho deciso di fotografarne un esemplare adulto ospitandolo per brevissimo tempo in un acquario predisposto allo scopo. La scelta dell'obiettivo da ripresa per la prima immagine è certamente in tono con il movente nostalgico generale: il Micro Nikkor 55mm f/3.5, autentico capolavoro del genio ingegneristico del compianto Zenj Wakimoto, in grado di restituire immagini animate da una nitidezza ed un macro-contrasto difficilmente superabili. Per la seconda immagine, si è invece optato per un altro indiscusso campione del nobile casato dei Micro Nikkor: il 200mm f/4 in versione AFD che, ad onta dei suoi quasi venticinque anni di anzianità di progetto, sfodera performance cristalline anche sui più densi sensori DX...

Dati di scatto

Fotocamera: Nikon D80
Obiettivo: Micro Nikkor 55mm f/3.5
ISO: 200
Diaframma: f/11
Tempo di scatto: 1/125 sec.
Flash: 2 Yongnuo YN460-II
Dati di scatto

Fotocamera: Nikon D7000
Obiettivo: Micro Nikkor AF 200mm f/4
ISO: 125
Diaframma: f/8
Tempo di scatto: 1/60 sec.
Flash: 3 Yongnuo YN460-II