Una stella al microscopio

Hoshizuna no Hama, letteralmente "Spiaggia dalla sabbia a guisa di stella": così la chiamano gli abitanti della prefettura di Okinawa, bizzarri fondatori dell'arte del Karate e imperturbabili testimoni della sanguinosa "Operazione iceberg". Non esiste al mondo sabbia più affascinante di quella della spiaggia di Iriomoto, la più grande delle Isole Yaeyama e la seconda per estensione tra quelle appartenenti alla Prefettura di Okinawa.
"...morbida spiaggia, sparsa di nicchi come il ciel di stelle..." scriveva l'indimenticato Moretti, alludendo a ben altri lidi.
E il singolare appellativo delle spiagge dell'isola di Iriomoto fa esplicito riferimento proprio alla particolare foggia del sedimento organogeno che le compone, costituito da milioni di microscopici nicchi di Baculogypsina sphaerulata, un minuscolo protozoo unicellulare della classe dei Sarcodinia, più comunemente noti come Foraminiferi.
Ma la Baculogypsina sphaerulata a Iriomoto non si trova certamente per caso: accantonate per un momento le più noiose considerazioni di rango paleontologico, non si può ignorare un'antica leggenda giapponese secondo cui le minuscole stelle, partorite a Iriomoto dall'amore della Stella Polare per la Croce del Sud, furono divorate da un serpente marino invocato dal Dio del mare, reso cieco dalla gelosia. Successivamente, le minuscole ossicine bianche, misero resto delle sfortunate, effimere stelline, furono bruciate dal Dio del cielo affinchè circondassero con il loro splendore i genitori affranti.
Baculogypsina sphaerulata (Parker & Jones, 1860) - Star shaped sand


Dati di scatto

Fotocamera: Panasonic G6
Obiettivo: Lomo 3.7x 0.11
Ingrandimento sul sensore: 4x
Numero di scatti in Focus Stacking: 69
Illuminazione: Luce LED

L'immagine di questo articolo è stata realizzata "impilando" con la tecnica del focus stacking 69 scatti ottenuti con un modesto obiettivo da microscopio biologico (il misconosciuto LOMO 3.7x 0.11), unostrumento dall'aspetto estremamente dimesso che custodisce con discrezione un nocciolo ottico di grande livello.