Linosa: l'Isola delle Berte

Immaginate un grumo di lava che si erga timido e discreto su un vertiginoso fondale di oltre 500m, equidistante tra Sicilia ed Africa, incessantemente battuto dalle onde, circoscritto da una costa rocciosa a tratti aspra e inospitale che difende, come le mura di un castello medioevale, un'ampia caldera ricca di terra fertile e generosa. Questa è Linosa. L'isola delle Berte.
Presente sull'isola con una popolazione stimata di circa 10.000 coppie (pari a circa il 60% della popolazione complessiva italiana), la Berta maggiore (Calonectris diomedea), uccello marino per definizione, trascorre la propria giornata sfiorando le onde del mare aperto con rapidi e silenziosi colpi d'ala; soltanto al calare del buio, dopo essersi concentrata in immensi gruppi che stazionano davanti alle coste dell'isola di Linosa, le Berte ritornano al proprio nido dove il destino di uova e pulli viene costantemente insidiato dall'insaziabile voracità del Ratto nero, che sull'isola prospera abbondante e impertinente.

Dati di scatto delle Berte in volo

Fotocamera: Nikon D7000

Obiettivo: Nikkor AFS 300mm f/4

ISO: 400

Diaframma: f/4

Modalità AF: 

AF-C 21 punti

Tempo di scatto: 1/1600-1/2500 sec.

RAW Converter: Adobe Camera RAW 7.3

Le immagini al volo delle Berte di Linosa sono state effettuate con l'ausilio di una piccola lancia a motore, aspettandone il rientro sottocosta dopo i lunghissimi voli nelle nelle aree di foraggiamento in mare aperto. Le maggiori difficoltà di ripresa consistono nella rilevante velocità di volo della specie, nella relativa instabilità delle condizioni di ripresa (soprattutto in caso di mare allegro) e nella scarsa disponibilità di luce dell'orario vespertino. In questa circostanza, il Nikkor AF-S 300mm f/4, abbinato alla maneggevole Nikon D7000, si è rivelato uno strumento preciso ed efficace, se si esclude qualche raro tentennamento nell'inseguimento dei soggetti più veloci e vicini.